Assorbenti igienici: tutto quello che c'è da sapere per usarli correttamente!

Se avete le mestruazioni per la prima volta, usare un assorbente per la prima volta può sembrare complicato! Non preoccupatevi, in questo articolo dedicato vi daremo tutte le risposte su come funziona, vantaggi e svantaggi!


Che cos'è un tampone?

I tamponi sono un tipo di protezione igienica interna, molto utilizzata dalle donne (seconda solo agli assorbenti igienici). Sono pratici e discreti e consentono di continuare a svolgere le proprie attività (soprattutto quelle acquatiche) durante le mestruazioni. Viene inserito all'interno della vagina dove assorbirà il flusso mestruale. Contrariamente a quanto si crede, può essere utilizzato a qualsiasi età. Nelle ragazze vergini, l'imene non si lacera, poiché la larghezza del tampone è solitamente inferiore all'apertura della membrana.

Qual è la differenza tra assorbenti con o senza applicatore?

A volte è il posizionamento del tampone che può spaventare: soprattutto le ragazze giovani non sanno come farlo.
Per questo motivo, esistono due tipi di utilizzo:

  • Con un applicatore, un piccolo dispositivo di plastica costituito da due tubi che scorrono l'uno contro l'altro, che faciliterà il posizionamento, permettendo al tampone di scivolare in alto nel canale vaginale.
  • Senza applicatore, gli assorbenti sono semplicemente avvolti in una pellicola di plastica che deve essere rimossa prima dell'inserimento. Poi basta spingerlo direttamente con il dito.

Alcune donne si sentono più a loro agio con l'applicatore, altre senza: sta ad ogni donna trovare ciò che più le si addice!

Come scegliere un assorbente?

Esistono diversi tipi che possono essere adattati a un numero massimo di donne e a soddisfare le diverse esigenze di flusso.

Adattare le dimensioni al flusso mestruale

La dimensione del tampone corrisponde allaquantità di flusso mestruale durante il periodo e alla sua capacità di assorbimento. Sul mercato sono disponibili diverse dimensioni:

  • Mini, adatto a flussi leggeri, all'inizio o alla fine del periodo
  • Normale, adatto a flussi medi
  • Plus o super (i nomi dipendono dalla marca, Tampax o altro) adatti per flussi medio-intensi
  • Maxi per flussi molto intensi

È importante sceglierne uno che corrisponda al vostro flusso e al suo livello minimo di assorbimento. Se si utilizza una versione troppo assorbente per il flusso, aumenta il rischio di sindrome da shock tossico. Quelli con una capacità di assorbimento molto elevata dovrebbero essere utilizzati solo nei giorni in cui le mestruazioni sono particolarmente abbondanti.

Osservate la composizione del tampone

È poi importante esaminare la composizione del tampone: la mucosa vaginale è molto permeabile alle sostanze esterne, quindi è importante assicurarsi che non si introduca nulla di pericoloso nel corpo.

Prima di tutto, bisogna sapere che un tampone è composto da diversi strati:

  • La parte centrale corrisponde alla parte assorbente, composta da fibre di cellulosa: viscosa o cotone.
  • Un velo, ovvero lo strato che copre la parte assorbente. Questo strato è molto sottile e consente un inserimento e una rimozione delicati e indolori. Può essere costituito da fibre di cellulosa o da fibre sintetiche come il poliestere, il polietilene o il polipropilene.
  • C'è anche il cavo che ne consente la rimozione. È realizzato in cartone o in carta di polietilene.
  • A seconda del tipo scelto, l'applicatore è in poliestere, polipropilene o cotone.

Infine, alcuni marchi aggiungono sostanze chimiche come profumi, prodotti tossici e neutralizzatori di odori.

Esistono tuttavia assorbenti meno dannosi, come quelli biologici e certificati GOTS. Questi devono essere realizzati con fibre naturali e biologiche durante tutto il processo di produzione.

Come si usa correttamente un tampone?

In realtà, indossare questo tipo di protezione sanitaria è molto semplice, basta prenderci la mano, anche se le prime volte può sembrare complicato.

Inserire il tampone nella vagina

Prima di tutto, lavatevi bene le mani e seguite una corretta igiene. Per rendere indolore l'inserimento del tampone, è necessario rilassarsi e assumere la posizione più adatta, accovacciandosi o stando in piedi con un piede sul water.

Naturalmente, è necessario prima rimuovere la confezione e tirare il cordoncino per srotolarlo: questo permetterà poi di essere estratti per rimuovere il tampone.

Per chi non ha l'applicatore:

  • È sufficiente appoggiare la punta delle dita sulla base del tampone e, allargando le labbra, posizionarlo sull'apertura vaginale spingendolo all'interno.
  • Quando non lo si sente più, è ben saldo al suo posto. Il cavo deve essere appeso all'esterno. Se si avverte un fastidio nella zona intima, pesantezza o formicolio, è segno che non è stato inserito abbastanza in alto.
  • Infine, lavarsi le mani

Per chi ha un applicatore:

  • Il tampone deve essere tenuto all'incrocio tra l'applicatore e la parte assorbente.
  • Inserire l'applicatore nella vagina e spingerlo quasi fino in fondo.
  • Far scorrere la camera d'aria contro la camera d'aria esterna in modo che il tampone sia all'esterno dell'applicatore.
  • Se è in posizione, controllare che il filo penda fuori dalle labbra.
  • Lavarsi le mani

Rimuovere correttamente il tampone

La rimozione è ancora più semplice dell'inserimento! Questa protezione viene solitamente rimossa dopo 4 ore. È meglio rimuoverlo troppo presto che troppo tardi per evitare infezioni, proliferazione batterica o cattivi odori.

Lavarsi le mani in precedenza, quindi tirare il cordoncino, che scivolerà via da solo. Se la rimozione è dolorosa, significa che il flusso è troppo debole rispetto al livello di assorbimento scelto, la parte assorbente rimane asciutta e secca la mucosa vaginale. In questo caso, scegliere un altro tipo di protezione sanitaria.

Se non riuscite a trovare il filo, accovacciatevi e inserite il dito indice nella vagina per trovarlo. Anche se è raro, può accadere che la corda si rompa. In questo caso, utilizzare le dita per estrarlo. Niente panico: è impossibile perdere una protezione sanitaria nel proprio corpo. La cervice impedisce di salire ulteriormente.

Dopo la rimozione, lavarsi le mani.

Per quanto tempo posso conservare un assorbente?

A seconda del flusso, raggiunge la massima capacità di assorbimento in poche ore. Questo tipo di protezione deve essere cambiata ogni 3 o 4 ore. Non deve essere indossata per più di 8 ore consecutive: il ristagno di sangue nel canale vaginale favorisce la crescita dei batteri. Non indossarlo di notte.

Se si usa questo tipo di protezione sanitaria durante il nuoto, cambiarla subito dopo essere usciti dall'acqua. Questo perché è pieno di cloro o di acqua salata, che non fa bene alla flora vaginale.

È importante usare l'assorbente solo durante le mestruazioni, perché al di fuori di questo periodo squilibra la flora vaginale, causando infezioni, infezioni fungine ripetute e secchezza vaginale. In caso di perdite vaginali eccessive o di spotting, è possibile utilizzare salvaslip o mutandine mestruali in cotone biologico.

Naturalmente, questi sono solo per uso singolo!

Cosa fare se si dimentica un assorbente in vagina?

Dimenticare un assorbente può comportare il rischio di sindrome da shock tossico. Si tratta di un'infezione molto rara, ma molto grave e potenzialmente fatale, causata da alcuni ceppi di Staphylococcus aureus. Se il sangue ristagna nell'area assorbente, le tossine e i batteri hanno molto spazio per crescere. Se avete dimenticato un assorbente e manifestate sintomi come febbre, mal di testa, malessere, vomito, diarrea e un'eruzione cutanea simile a una scottatura, rimuovetelo immediatamente (anche se non è stato dimenticato) o utilizzate un prodotto per l'igiene interna e recatevi direttamente inospedale. Quanto prima viene gestita la TSS, tanto meglio viene trattata.

Quali sono le migliori alternative agli assorbenti?

Il tampone ha i suoi vantaggi in termini di praticità, ma ha anche i suoi svantaggi e rischi per la salute. Quali sono dunque le alternative in Francia?

  • Se preferite una protezione sanitaria interna, un'alternativa è la coppetta mestruale. La coppa è un dispositivo interno a forma di campana che raccoglie il sangue. Ma attenzione: indossato troppo a lungo, comporta anche il rischio di TSS a causa del ristagno del sangue.
  • Gli assorbenti esterni non sono mai stati implicati nelle TSS mestruali, poiché non vi è ristagno di sangue nel canale vaginale. Tra gli esempi vi sono gli assorbenti monouso o riutilizzabili, o le mutandine mestruali.

Da Elia, le mutandine mestruali sono la nostra alternativa preferita: una protezione a zero rifiuti, zero rischi per la salute e molto confortevole durante le mestruazioni! La sua tecnicità e i suoi materiali antibatterici naturali impediscono ai batteri di svilupparsi e proliferare: nessuna infezione possibile! Ne sono disponibili diversi, per tutti i tipi di flusso, anche i più pesanti. Cosa aspettate a passare alle mutandine mestruali?

FAQ sui tamponi

Si possono usare gli assorbenti?

Per praticare il flusso istintivo libero, è necessario innanzitutto ascoltare il proprio corpo e i suoi segnali che indicano che il sangue sta scorrendo dalla cervice lungo la parete vaginale. Non appena ciò accade, il perineo deve essere contratto e rilasciato solo quando si va in bagno!

I tamponi fermano le mestruazioni?

No. È perfettamente possibile trattenere volontariamente il flusso di sangue delle mestruazioni e favorirlo solo quando lo si decide! Questo metodo è chiamato metodo istintivo del flusso libero.


Potrebbe piacerti anche :