Spotting durante l'ovulazione: tutto quello che c'è da sapere!

Avete un leggero sanguinamento quando le mestruazioni non arriveranno prima di due settimane? Si tratta di spotting.


Che cos'è lo spotting da ovulazione?

L'ovulazione è un fenomeno naturale che si verifica di solito intorno al 14° giorno del ciclo nelle donne che non assumono contraccettivi ormonali. Sebbene la maggior parte delle donne ovuli senza rendersene conto, alcune possono avvertire lievi sintomi durante l'ovulazione.

Questi possono includere dolori al basso ventre, un cambiamento nell'aspetto delle perdite bianche, che possono diventare più elastiche, trasparenti e di colore bianco come l'uovo, e talvolta una leggera fuoriuscita di sangue, più comunemente nota come spotting.

A volte possono essere scambiate per mestruazioni. Si stima checirca il 5% delle donne presenti spotting durante l'ovulazione. Tuttavia, le scariche di spotting sono diverse dal flusso mestruale. Sono meno abbondanti e per lo più più scure. È bene sapere che è anche possibileovulare durante le mestruazionianche se è raro!

Perché si verifica il sanguinamento durante l'ovulazione?

Il sanguinamento si verifica durante l'ovulazione per un motivo ben preciso: è dovuto all'espulsione dell'ovulo (o del futuro ovulo) dal follicolo ovarico. Quando il follicolo viene rilasciato, si rompe bruscamente nell'ovaio, il che può provocare un sanguinamento, chiamato spotting.

Le perdite di sangue durante l'ovulazione possono anche essere dovute alle notevoli fluttuazioni ormonali che si verificano in questo periodo: durante l'ovulazione, il livello di progesterone aumenta per sostenere e rafforzare l'endometrio. Ma se il livello di progesterone non è sufficientemente alto quando la produzione di estrogeni diminuisce, può verificarsi un leggero sanguinamento.

Questo può essere un segno di ovulazione da tenere in considerazione quando si calcola il ciclo.

Lo spotting da ovulazione è qualcosa di cui preoccuparsi?

Lo spotting da ovulazione è un fenomeno del tutto naturale che si verifica in alcune donne. La durata e la quantità di spotting varia da donna a donna, ma non dovrebbe mai durare più di qualche giorno o essere troppo pesante. In caso contrario, potrebbe essere il segno di una patologia sottostante.

Se il sanguinamento regolare più pesante dello spotting si verifica al di fuori del periodo mestruale, è meglio consultare uno specialista per assicurarsi che non ci sia una causa sottostante.

Distinzione tra sanguinamento da ovulazione e non da ovulazione

Il sanguinamento può verificarsi in momenti diversi del ciclo.

Spotting da ovulazione e spotting da impianto

Il spotting da impianto noto anche come sanguinamento da impianto, si differenzia da quello da ovulazione perché si verifica nella seconda metà del ciclo. Ha luogo da 6 a 12 giorni dopo la fecondazione. L'impianto avviene quando l'ovulo si annida nella parete dell'utero, mentre prima si trovava nella tuba di Falloppio. Lo spotting da impianto dura solo 1 o 2 giorni al massimo. Non deve essere confuso con le mestruazioni. Il sanguinamento da annidamento è di solito più leggero.

Circa 1 gravidanza su 4 presenta uno spotting da impianto. Questo può quindi essere un segno di gravidanza! Non preoccupatevi: lo spotting da impianto non è in alcun modo un segno di complicazioni per la vostra gravidanza.

Esistono anche gli spotting di gravidanza: si tratta di spotting che si verificano ogni mese durante i primi 3 mesi di gravidanza, alla data prevista per le mestruazioni. Sono noti anche come spotting da anniversario. Anche in questo caso, non preoccupatevi, questo sanguinamento non ha alcun impatto sull'andamento della gravidanza.

Tuttavia, se notate un sanguinamento più intenso e duraturo, consultate il vostro medico, l'ostetrica o il ginecologo.

Sanguinamento da ovulazione e mestruazioni

Lo spotting non deve essere confuso con le mestruazioni.

Lo spotting è un sanguinamento che dura solo pochi giorni (1 o 2) ed è molto leggero. La perdita di sangue compare 14 giorni prima del presunto arrivo delle mestruazioni. Ecco come non confondere il sanguinamento da ovulazione con le mestruazioni.

Come si può prevenire lo spotting da ovulazione?

In caso di spotting, anche se il flusso è molto leggero e si tratta di poche gocce, può essere utile proteggere la biancheria intima per evitare di macchiarla.

La mutandine mestruali sono un'ottima soluzione in caso di spotting. Permettono di assorbire e proteggersi durante i diversi momenti del ciclo e possono essere utilizzate anche in caso di perdite bianche abbondanti, ad esempio.

call-to-action-4

È necessario consultare un medico in caso di sanguinamento durante l'ovulazione?

Non è necessario consultarsi in caso di spotting, il sanguinamento durante l'ovulazione non è grave. Ma in alcuni casi, ad esempio

  • Se dura per più di dieci giorni;
  • se il sanguinamento è regolare
  • se si avvertono dolori e crampi;
  • se si è avuto un rapporto sessuale non protetto.

Consultate il vostro medico o un professionista della salute. Solo il medico può suggerire un trattamento adeguato o effettuare esami per verificare l'assenza di patologie.


Domande frequenti sullo spotting da ovulazione

È normale sanguinare durante l'ovulazione?

Circa il 5% delle donne è soggetto a sanguinamento durante l'ovulazione. Lo spotting da ovulazione è normale e non è motivo di allarme se si tratta di un sanguinamento leggero e occasionale che dura 1 o 2 giorni. Se il sanguinamento è abbondante e dura dieci giorni, è bene consultare uno specialista.

Quali sono gli altri sintomi dello spotting durante l'ovulazione?

Altri sintomi che possono verificarsi con o senza spotting sono

  • Un leggero dolore in un lato dell'addome inferiore
  • tensione nel basso ventre o nella parte bassa della schiena
  • Una sensazione di gonfiore
  • Un aumento della libido
  • un cambiamento del muco cervicale, che diventa più abbondante e trasparente come l'albume d'uovo
  • Aumento della temperatura corporea, soprattutto al mattino al risveglio.

    Les informations issues des articles présents sur le site www-elia-lingerie.com sont des informations générales. Bien qu’elles aient été relues par des professionnels de santé, ces informations ne sont pas exemptes d’erreurs, ne constituent pas des conseils de santé ou des consultations et n’ont pas vocation à fournir un diagnostic ou proposer un traitement. Ces informations ne peuvent, en aucun cas, se substituer à un avis médical et ne peuvent pas remplacer une consultation auprès d’un professionnel de santé. Pour toute question, nous vous invitons à consulter votre médecin.