La pillola e le mestruazioni: quali sono gli effetti sul ciclo mestruale?

Molte donne utilizzano la pillola come forma di contraccezione. Si tratta infatti di un metodo contraccettivo facile da usare, che può essere utilizzato da un gran numero di donne. A Elia ci chiediamo quale sia l'impatto di questo contraccettivo sul ciclo mestruale.

Che cos'è la pillola contraccettiva?

La pillola è una forma di contraccezione composta da ormoni sintetici chiamati estrogeni e progestinici. È un metodo contraccettivo efficace (99% di efficacia) se assunto correttamente. Oltre agli ormoni, che potrebbero non essere adatti ad alcune donne, questo metodo contraccettivo ha lo svantaggio di dover essere assunto ogni giorno.

Di conseguenza, ne esistono due tipi:

  • pillole estroprogestiniche, che contengono entrambi gli ormoni,
  • e le pillole di solo progestinico, che contengono solo un progestinico.

Questi due tipi di contraccettivi non funzionano allo stesso modo. Mentre la versione con progesterone agisce solo sul rivestimento e sul muco uterino (il blocco dell'ovulazione dipende dal progestinico), la versione con estrogeni-progestinici agisce su diversi aspetti: blocca l'ovulazione e ispessisce il muco, impedendo agli spermatozoi di attraversare la cervice e all'ovulo di impiantarsi. Tuttavia, l'impatto di questo contraccettivo sulle mestruazioni è lo stesso per ogni tipo di pillola.

Come influisce la pillola contraccettiva sulle mestruazioni?

La maggior parte delle pillole è disponibile in confezioni da 28 o 21 compresse. Nella confezione da 28 pillole, 7 pillole sono in realtà dei placebo. Gli ormoni vengono quindi assunti per 21 giorni consecutivi, poi per una settimana non si assumono ormoni e a quel punto si verificano le mestruazioni. Le mestruazioni con la pillola contraccettiva sono anche meno dolorose e spesso più brevi.

Può succedere, anche con la pillola, che le mestruazioni siano in ritardo o in anticipo: il corpo non è un orologio. Tuttavia, poiché questo metodo contraccettivo non è efficace al 100%, è meglio verificare che non ci sia una gravidanza.

Cessazione completa delle mestruazioni

Poiché il sanguinamento con la pillola è un sanguinamento da astinenza, si può scegliere di assumere la confezione in modo continuativo, cioè senza saltare la pausa di 7 giorni (o il placebo) e iniziarne una nuova. Questo vi permetterà di non avere le mestruazioni. Tuttavia, questo non è uno stato permanente, e di solito si assiste a una ripresa di mestruazioni non appena la pillola viene interrotta.

È possibile che si verifichino leggere perdite di sangue(spotting) se si salta la pausa di 7 giorni per più cicli consecutivi. In questo caso, attenetevi ai successivi 7 giorni di interruzione programmata e lo spotting scomparirà. Alcune persone hanno mestruazioni, o meglio sanguinamenti, così leggeri e brevi che hanno l'impressione di non avere un vero flusso. Si stima che 1 donna su 10 non abbia un'emorragia da astinenza. Tuttavia, possono presentare spotting.

Emorragia da astinenza

Le mestruazioni con la pillola sono chiamate"emorragie da astinenza" perché le perdite non sono vere e proprie mestruazioni. Questo dispositivo contraccettivo provoca un falso sanguinamento durante la settimana di sospensione. Il termine "astinenza" si riferisce all'assenza di ormoni durante il periodo di astinenza di 7 giorni o durante l'assunzione di placebo. È la rapida caduta dei livelli ormonali durante questi 7 giorni a causare il sanguinamento da sospensione della pillola, noto come sanguinamento da astinenza. Ciò corrisponde all'evacuazione della mucosa uterina che riveste la cavità dell'utero: l'endometrio.

Flusso sanguigno leggero

Oltre alle mestruazioni con la pillola, è frequente che si verifichi un sanguinamento al di fuori dell'arresto ormonale, chiamato spotting.

Se è normale avere perdite di sangue al di fuori delle mestruazioni durante i primi 3 mesi di utilizzo di questo metodo contraccettivo, non è normale che ciò continui in seguito. Dopo questa prima fase di adattamento, consultare il medico, il ginecologo o l'ostetrica se i sintomi persistono: probabilmente sarà necessario passare a una pillola diversa e a un diverso livello ormonale.

Se si dimentica di assumere la pillola giornaliera, il calo dei livelli ormonali può causare emorragie o addirittura ritardare le mestruazioni.

Come faccio a sapere se il mio sanguinamento con la pillola è normale?

Quando si assume il contraccettivo, è normale che il flusso cambi rispetto a quando non lo si assumeva.

Durante i primi mesi di assunzione della pillola, è possibile che si verifichi un leggero sanguinamento al di fuori delle mestruazioni, noto come spotting. Ma se il problema si protrae per più di tre mesi, è bene rivolgersi al proprio medico curante.

Anche il flusso mestruale con la pillola può variare nel tempo. Infine, se durante la fase di interruzione non si verificano sanguinamenti o quasi, pur avendo assunto la confezione in modo corretto (assenza di mestruazioni, ritardi, vomito o diarrea), ciò è considerato normale.

Cosa fare in caso di sanguinamento doloroso con la pillola?

Il dolore durante le mestruazioni non è mai normale. In caso di dolori durante le mestruazioni con la pillola, consultare il medico. La prima cosa da fare è verificare che non vi siano rischi di malattia o di gravidanza. Anche cambiare la generazione della pillola e il livello ormonale può essere una buona soluzione.

Quali sono le alternative alla pillola che non bloccano le mestruazioni?

Ognuno di noi è diverso e il corpo reagisce in modo diverso ai diversi contraccettivi. Per esempio, alcune generazioni di contraccettivi o principi attivi, a seconda del dosaggio, provocano una diminuzione del volume del sanguinamento, a volte addirittura la sua interruzione, mentre altre provocano un flusso sanguigno simile a quello delle mestruazioni naturali.

Esistono metodi contraccettivi naturali che non interrompono le mestruazioni, come lo IUD al rame, che causano perdite di sangue più abbondanti. L'impianto e lo IUD ormonale possono anche interrompere il flusso mestruale.

E la pillola del giorno dopo?

Avete avuto rapporti sessuali a rischio e non volete rimanere incinta: il La pillola del giorno dopo dopo o prima delle mestruazioniLa contraccezione d'emergenza, nota anche come contraccezione ormonale, deve essere assunta da 3 a 5 giorni al massimo dopo il rapporto sessuale. È gratuito e non richiede la prescrizione medica per i minori. L'assunzione della pillola dà inizio al ciclo mestruale, quindi è normale che le mestruazioni arrivino più rapidamente dopo l'assunzione della pillola!

Domande frequenti sulla pillola e le mestruazioni

Quando arrivano le mestruazioni quando si prende la pillola?

Le mestruazioni si verificano da 2 a 3 giorni dopo l'interruzione dell'assunzione dell'ultima pillola ormonale, cioè dopo 21 giorni di assunzione della pillola, durante il periodo di sospensione di 7 giorni o il periodo placebo di 7 giorni.

La pillola riduce le mestruazioni?

Sì, le mestruazioni con la pillola, altrimenti note come sanguinamento da astinenza, tenderanno a ridurre il flusso sanguigno e la durata delle mestruazioni.

La pillola può prolungare le mestruazioni?

Sebbene le mestruazioni, la loro intensità e la loro durata possano variare nel tempo, con la pillola saranno generalmente più brevi e meno pesanti. Alcune donne possono avere sanguinamenti che si verificano al di fuori del periodo mestruale. Questo si chiama spotting.

Potrebbe piacerti anche :