Quali esami sono necessari per individuare l'endometriosi?

L'endometriosi è una malattia molto comune che colpisce circa il 10% delle donne. È caratterizzata dalla presenza di cellule simili a quelle dell'endometrio (membrana mucosa all'interno dell'utero) che si trovano all'esterno dell'utero, che seguono il ciclo mestruale e causano dolore durante le mestruazioni e fuori.

Contenuti

  • Che cos'è l'endometriosi?
  • Come viene diagnosticata l'endometriosi?
  • L'endometriosi può essere vista con un'ecografia?
  • La risonanza magnetica è efficace nella diagnosi di endometriosi?
  • La laparoscopia cura l'endometriosi?
  • È necessario sottoporsi a un test di infertilità in caso di endometriosi?


Che cos'è l'endometriosi?

L'endometriosi è una malattia molto comune che colpisce quasi il 10% delle donne. È caratterizzata dalla presenza di cellule simili a quelle dell'endometrio (membrana mucosa all'interno dell'utero) che si trovano all'esterno dell'utero, che seguono il ciclo mestruale e causano dolore durante le mestruazioni e fuori.

Come viene diagnosticata l'endometriosi?

L'endometriosi è una malattia dolorosa per le donne. Nella maggior parte dei casi, una persona affetta da endometriosi si rivolge al medico per il dolore pelvico. Il più delle volte la malattia è silente e le pazienti si accorgono di avere l'endometriosi durante un consulto sull'infertilità o quando provano dolore durante i rapporti sessuali.

In prima istanza, verrà effettuato un esame clinico per diagnosticare la paziente e indirizzarla alle corrette indagini mediche. Si tratta di una discussione per capire il dolore che il paziente sta provando. Può anche includere un esame vaginale e/o rettale per cercare di palpare alcune lesioni endometriosiche (cisti ovariche o lesioni più profonde). Tuttavia, questi esami devono ovviamente essere eseguiti con il consenso del paziente.

L'endometriosi può essere vista con un'ecografia?

È possibile effettuare un'ecografia endovaginale per individuare eventuali lesioni endometriosiche. È importante sapere che l'ecografia endovaginale è un dispositivo che utilizza le onde ultrasonore per visualizzare gli organi interni, il che consente di individuare molto bene le lesioni endometriosiche. Un'ecografia normale può quindi escludere l'endometriosi profonda o le cisti, ma possono ancora esistere lesioni superficiali.

La risonanza magnetica è efficace nella diagnosi di endometriosi?

In secondo luogo, a volte può essere necessaria una risonanza magnetica del bacino. La risonanza magnetica utilizza le onde elettromagnetiche per visualizzare i tessuti "molli" e consente di localizzare con estrema precisione le lesioni endometriosiche. Spesso viene eseguita per confermare e dettagliare i risultati ottenuti con l'ecografia e talvolta per rivelare altri danni non ancora rilevati. Per individuare l'endometriosi, la risonanza magnetica deve essere eseguita in centri specializzati da esperti di endometriosi.

Entrambi gli esami sono strumenti diagnostici. La differenza è che l'ecografia è un esame disponibile nello studio del ginecologo, mentre la risonanza magnetica viene eseguita in uno studio di radiologia. Se avete un sospetto di endometriosi, vi consigliamo vivamente di chiedere consigli e informazioni e di cercare uno studio radiologico specializzato nella diagnostica per immagini delle donne e nell'endometriosi.

La laparoscopia cura l'endometriosi?

A volte si esegue una laparoscopia dopo una risonanza magnetica se c'è ancora un sospetto di endometriosi ma i due esami precedenti non sono riusciti a dimostrarne la presenza. Dopo aver gonfiato la pancia con CO2, il chirurgo introduce una piccola telecamera in una piccola incisione praticata a livello dell'ombelico, il tutto sotto anestesia. Questo esame consente di visualizzare in diretta le lesioni endometriosiche superficiali o non superficiali nella piccola pelvi, completando così i due esami precedenti. Se sullo schermo vengono rilevate lesioni, vengono prelevati campioni per una biopsia. Per rimuovere le lesioni si ricorre spesso alla laparoscopia; si possono quindi praticare piccole incisioni nell'addome per rimuoverle con strumenti chirurgici.

È necessario sottoporsi a un controllo dell'infertilità in caso di endometriosi?

Dopo un controllo dell'infertilità e nell'ambito della ricerca dell'endometriosi, il medico può prescrivere un'isterosalpingografia, ovvero una radiografia delle tube di Falloppio. Durante l'esame, vi verrà iniettato un mezzo di contrasto nella cavità uterina per verificare la presenza di malformazioni o anomalie nelle tube di Falloppio mediante radiografie. L'isteroscopia è un esame che utilizza una piccola telecamera per osservare l'endometrio e l'interno della cavità uterina. Può consentire, ad esempio, l'individuazione di polipi o fibromi. Questo esame ha quindi un ruolo importante nella valutazione dell'infertilità, ma l'endometriosi non viene solitamente diagnosticata con questo strumento.

Elia si impegna nella lotta contro l'endometriosi donando il 10% del ricavato delle nostre mutandine mestruali alle organizzazioni di ricerca. Se volete saperne di più sui nostri impegni, è qui.


Potrebbe piacerti anche :