una malattia non riconosciuta

L'endometriosi, una malattia ginecologica cronica

Quando abbiamo lanciato Elia e le nostre mutandine mestruali biologiche, volevamo raccontare la storia di Marion, la fondatrice del marchio, al maggior numero di persone possibile. Per informare, ma anche per permettere a migliaia di persone di capire il proprio corpo, i propri dolori, le proprie mestruazioni e, infine, di dare potenzialmente una parola ai propri disturbi.



Qu’est-ce que l’endométriose ?

La lotta contro l'endometriosi è una causa che ci sta a cuore. Negli ultimi 3 anni la situazione si è evoluta, ma non è ancora stato trovato un trattamento e la ricerca clinica sulla malattia è rara. Il desiderio viscerale di Marion di lottare contro l'endometriosi per accelerare la consapevolezza di questa malattia e quindi del suo trattamento fa parte della genesi e del DNA del marchio Elia.

Per questo motivo sosteniamo le associazioni che lottano contro l'endometriosi e in particolare la Fondazione per la ricerca e la lotta contro l'endometriosi. Perché non ci sono piccoli contributi, ci sono solo grandi impegni, doniamo una parte dei nostri profitti e tutte le persone del team sono investite in questa lotta!

Che cos'è l'endometriosi?

L'endometriosi è una malattia ginecologica cronica che colpisce in media 1 donna su 10, ovvero circa 176 milioni di persone nel mondo. Questa condizione infiammatoria è causata dalla presenza di tessuto simile all'endometrio all'esterno dell'utero nelle donne regolate. Esiste anche l'adenomiosi, una forma di malattia in cui l'endometrio si infiltra nel miometrio e crea un dolore intenso.

La localizzazione e la profondità delle lesioni endometriosiche variano da donna a donna. Anche la sensazione, il dolore e l'impatto sulla qualità della vita variano da persona a persona. I sintomi sono quindi vari e di difficile comprensione per il personale medico e anche per i pazienti che soffrono di mestruazioni dolorose o di dolore cronico al di fuori delle mestruazioni.

L'impatto dell'endometriosi è rappresentato da dolori ginecologici, infertilità, ecc. Oggi, purtroppo, è frequente che la diagnosi venga fatta in ritardo: possono passare fino a dieci anni tra la scoperta dei primi sintomi e la conferma della malattia.

La cronicizzazione dell'endometriosi e i cicli mestruali contribuiscono alla crescita delle lesioni endometriosiche ogni mese. È un circolo vizioso che si autoalimenta più o meno rapidamente, a seconda della donna. La crescita di queste cellule endometriosiche nel tempo porta alla comparsa di lesioni sempre più grandi che poi si aggrappano e migrano verso le tube di Falloppio, la vagina, le ovaie, il colon, gli ureteri e il diaframma. Talvolta, l'endometriosi può addirittura inserirsi nei nervi sacrali o sciatici.

La storia di Marion, fondatrice di elia
Una storia personale

Una malattia infiammatoria silenziosa e di lunga durata che mostra segni di vita per un po' senza mai rivelarsi veramente...

Poi, un giorno, a volte dopo mesi o anni di dolori pelvici, mestruazioni abbondanti, disturbi urinari, rapporti sessuali interrotti, progetti di gravidanza falliti, riusciamo finalmente a trovare una causa, a dare un nome a ciò che abbiamo:endometriosi. La strada è lunga: ritardi lunghissimi nella diagnosi e attese interminabili per esami dolorosi.

Questa è la storia di Marion, la fondatrice di Elia, ma potrebbe essere anche la vostra, quella di vostra figlia, di vostra madre o di una persona cara della vostra cerchia.

Elia dona il 10% dei suoi profitti
La lotta contro l'endometriosi, una causa che ci sta a cuore

Le donne affette da endometriosi possono attraversare diverse fasi (isteroscopia, laparoscopia, rimozione delle ovaie, delle tube, menopausa artificiale, pillola continua...). Tuttavia, non è ancora stato trovato un trattamento e la ricerca clinica sulla malattia è scarsa.

Il desiderio viscerale di Marion di combattere l'endometriosi per accelerare la consapevolezza di questa malattia e quindi il suo trattamento fa parte della genesi e del DNA del marchio Elia.

Per questo motivo sosteniamo le associazioni che lottano contro l'endometriosi. Il 10% dei profitti di Elia è devoluto a progetti di ricerca e a sostegno delle donne che affrontano questa malattia. In questo modo, ogni vostro acquisto contribuisce a far conoscere l'endometriosi al grande pubblico. Perché non esistono piccoli contributi, ma solo grandi impegni.

Quali sono i principali sintomi dell'endometriosi?

I sintomi e i dolori dell'endometriosi variano da donna a donna:

- Mestruazioni molto dolorose, che impediscono di vivere normalmente la giornata. L'endometriosi è una malattia totalmente legata all'attività ormonale e quindi ai cicli mestruali. Il dolore si accentua quindi quando si hanno le mestruazioni e il corpo produce infiammazione! Circa il 70% delle donne affette da endometriosi prova un dolore invalidante nella vita quotidiana. Anche al di fuori del loro periodo.

- Mestruazioni abbondanti, che superano gli 80 ml di perdita di liquidi: è possibile eseguire il test di Higham.

- Dolore durante e dopo il sesso! Non è normale avere dolore durante il sesso. L'endometriosi è costituita da cellule che si depositano ovunque e in questo caso entrano nella vagina o creano cisti intorno all'utero, rendendo difficili alcune posizioni sessuali. La maggior parte delle donne che soffrono di dolore durante i rapporti sessuali ha dolore in profondità, ma anche per contrazione riflessa del perineo e della vagina durante la penetrazione.

- Dolore durante la defecazione o la minzione! Quando le aderenze endometriosiche si depositano nel tratto digestivo, alcune donne hanno problemi digestivi e soffrono regolarmente di diarrea o stitichezza.

- Dolore alla schiena o dolore lombare

- Stanchezza cronica e prolungata che non scompare dopo il riposo o l'assunzione di magnesio o ferro

- Difficoltà ad avere una gravidanza naturale con l'endometriosi, di solito dopo almeno 12 mesi di tentativi. Si stima che il 30-50% delle donne affette da endometriosi soffra di infertilità. Ciò è dovuto a disturbi dell'ovulazione, lesioni endometriosiche sull'apparato riproduttivo, ridotta riserva ovarica, difficoltà di impianto embrionale, ostruzione delle tube di Falloppio.

L'endometriosi è benigna?

Le lesioni endometriosiche possono comportarsi come veri e propri tumori, ma è bene che siano benigne. Le lesioni infiltrano e deformano gli organi e ne alterano la normale funzione, rendendo la malattia molto difficile da gestire per le persone affette da endometriosi.

Quali sono le cause dell'endometriosi?

L'endometriosi è una malattia molto complessa. È un cavallo di Troia che affascina molti ricercatori e medici. I vari studi spiegano e concordano sul fatto che l'endometriosi compare per il 50% per motivi genetici e per il 50% per motivi ambientali.

Anche alcuni meccanismi dell'organismo svolgono un ruolo nello sviluppo della malattia. Tra questi meccanismi possiamo distinguere :

- Periodi retrogradi o mestruazioni retrograde. Si tratta di donne che non eliminano correttamente le mestruazioni. Il sangue mestruale finisce per impiantarsi nella cavità uterina, negli organi per creare lesioni endometriosiche.

- Ereditarietà - L'Autorità Nazionale Francese per la Salute (HAS) e il Collegio Nazionale Francese dei Ginecologi e Ostetrici (CNGOF) spiegano che il rischio di sviluppare l'endometriosi per i parenti di primo grado è 5 volte superiore rispetto alla popolazione generale.

- La trasformazione delle cellule peritoneali in endometriosi. Si tratta di membrane che sostengono gli organi dell'addome.

- Il passaggio delle cellule endometriali uterine nel flusso sanguigno durante le mestruazioni provoca la migrazione dell'endometrio verso altri organi. Questo è anche il motivo per cui l'endometriosi è talvolta associata a cancri o tumori. La modalità di migrazione è essenzialmente la stessa

- Gli interferenti endocrini non sono innocenti nella comparsa della malattia. L'OMS descrive infatti gli interferenti endocrini come sostanze o miscele che alterano le funzioni del sistema endocrino. Questo sistema è a sua volta un insieme di tessuti e interazioni che comunicano con il resto del corpo. Si ritiene che alcuni inquinanti organici persistenti, come i policlorobifenili, i pesticidi organoclorurati e le diossine, abbiano un impatto sull'endometrio.

Come viene trattata l'endometriosi?

Ad oggi non esiste un trattamento per l'endometriosi, che è una malattia incurabile. È molto complessa da diagnosticare e presenta varie forme. Tuttavia, sono ancora possibili diversi trattamenti per ridurre la proliferazione delle cellule e limitare l'impatto sulla vita quotidiana, a volte con diversi gradi di successo:

1- Prevenire la comparsa delle mestruazioni con un trattamento ormonale! Assumendo la pillola, l'organismo viene privato degli estrogeni. Questo impedirà alla donna di avere le mestruazioni. Infatti, le lesioni endometriosiche sugli organi sanguinano in concomitanza con le mestruazioni e creano microemorragie che danno origine ad aderenze e cisti.

2- Menopausa artificiale che sopprime l'ovulazione e le mestruazioni per un certo periodo di tempo.

3- Il trattamento chirurgico è una procedura abrasiva e complessa. L'intervento chirurgico per l'endometriosi deve essere eseguito da esperti di endometriosi.

Ci parli del suo background

Questa storia è anche la vostra?

Questa malattia la colpisce in qualche modo? Potete contare sul nostro pieno sostegno nella vostra lotta contro la malattia. Non esitate a contattarci per raccontarci la vostra esperienza.

Prendere la parola
Come viene diagnosticata l'endometriosi?

Come spiegato sopra, l'endometriosi ha tante sfaccettature quante sono le persone con le mestruazioni. Alcuni sintomi dell'endometriosi possono essere eclatanti e dovrebbero indurvi a consultare un medico specialista, un ginecologo o un'ostetrica.

Esistono diverse tecniche per diagnosticare l'endometriosi. Non tutti sono affidabili al 100%.

1-Ecografia pelvica, che consente di visualizzare gli organi interni, in particolare la cervice. A tal fine, è necessario eseguire un'ecografia endo-vaginale inserendo una sonda nella vagina. Questo esame è molto utile per rilevare la presenza di cisti ovariche.
2- Larisonanza magnetica fornisce viste a 2 o 3 dimensioni. Fornisce un'osservazione dei tessuti molli come gli organi interni. La risonanza magnetica può rilevare cisti, lesioni o noduli di endometriosi. La risonanza magnetica viene utilizzata per integrare e confermare un referto ecografico.
3- L'isterografia o isterosalpingografia è un esame dell'utero e delle tube di Falloppio e serve a ricercare malformazioni uterine e aderenze nelle tube di Falloppio. È particolarmente praticata quando ci sono esami complementari nell'esplorazione della fertilità.
4 - L'ecografia endorettale è un'ecografia effettuata con una sonda inserita nel retto per individuare lesioni profonde che potrebbero interessare il retto.
5 - La colonscopia virtuale, uroscanner o air coloscanner, consente un'esplorazione dettagliata dell'intero retto, del colon e degli ureteri. È indicato nella ricerca di endometriosi molto profonde!
6- La laparoscopia, nota anche come laparotomia, è una procedura chirurgica che consiste nell'introdurre una piccola telecamera attraverso l'ombelico e vari strumenti. La laparoscopia consente di effettuare una valutazione completa dell'endometriosi, perché il chirurgo potrà avere una visione globale di tutte le lesioni. La laparoscopia è generalmente indicata in caso di necessità di intervento chirurgico e non viene più utilizzata come strumento diagnostico perché considerata troppo abrasiva.