Che cos'è la sindrome dell'ovaio policistico?

Qu'est-ce que le syndrome des ovaires polykystiques ?

Che cos'è la sindrome dell'ovaio policistico?

La sindrome dell'ovaio policistico (PCOS) è una malattia ormonale che colpisce il 5-10% delle donne (circa una su dieci), rendendola la malattia ormonale più comune nelle donne in età fertile. Si ritiene che questa malattia sia dovuta a uno squilibrio ormonale nelle ovaie e/o nel cervello di due ormoni (FSH e LH), responsabili del ciclo mestruale. Ciò comporta un aumento del testosterone nel sangue.

La nomenclatura di spok si riferisce all'accumulo di quelle che all'epoca erano ritenute piccole cisti intorno alle ovaie. In realtà, si tratta di follicoli che non crescono durante la fase finale della fase follicolare e si accumulano. Questa malattia interrompe quindi la produzione di uova, diventando una causa importante d infertilità femminile.

Quali sono i sintomi dell'ovaio policistico?

I sintomi di questa malattia sono molto ampi e di solito si manifestano durante la pubertà, ma possono comparire anche più tardi. Può essere molto lieve, ma può essere invalidante.

I sintomi includono depressione e apnea notturna. Ma anche un aumento delle dimensioni delle ovaie, disturbi dell'ovulazione (cicli irregolari, amenorrea) che portano all'infertilità in quasi la metà delle donne colpite dalla malattia, ma anche a un aumento del rischio di aborto e parto prematuro. La malattia spesso porta a iperpilosi La malattia comporta spesso iperpilosi, acne e perdita di capelli a causa della sovrapproduzione di testosterone. Può anche causare un aumento del rischio di sindrome metabolica, insulino-resistenza e diabete, nonché un aumento del rischio di malattie cardiovascolari. La PCOS aumenta anche il rischio di sviluppare un tumore femminile (endometrio, seno, ovaio).

La diagnosi di questa malattia viene fatta da un ginecologo, un endocrinologo o un medico. Per stabilire che una donna soffre di PCOS, il ginecologo effettua innanzitutto un'indagine sull'anamnesi familiare, perché per il momento l'ereditarietà è l'unico fattore sospetto. Seguono un'analisi dei cicli mestruali, un esame clinico, un'ecografia delle ovaie e la misurazione degli ormoni.

Qual è il trattamento di questa malattia?

Per il momento non esiste una cura per la malattia. Tuttavia, alcuni trattamenti sintomatici fino alla menopausa sono possibili e generalmente aiutano a prevenire le complicazioni, in particolare adottando uno stile di vita più sano.

A volte, la perdita di peso riduce generalmente il livello di testosterone nell'organismo, regola in qualche modo la comparsa di mestruazioni irregolari e ha un possibile effetto positivo sulla fertilità. Inoltre, si possono prendere in considerazione farmaci o supporto psicologico. Ad esempio, per l'iperpilosi, una pillola estroprogestinica spesso viene prescritto per primo, seguito da anti-androgeni se non è sufficiente. Nel caso diacnema anche l'iperpilosi, viene spesso prescritto il ciproterone acetato.

Se soffrite o pensate di soffrire di PCOS, vi consigliamo di rivolgervi al vostro medico di famiglia o a medici specialisti che potranno prescrivervi un trattamento in grado di ridurre i sintomi della malattia. In ogni caso, possiamo aiutarvi durante le mestruazioni con le mutandine mestruali Elia!


Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.


Les informations issues des articles présents sur le site www-elia-lingerie.com sont des informations générales. Bien qu’elles aient été relues par des professionnels de santé, ces informations ne sont pas exemptes d’erreurs, ne constituent pas des conseils de santé ou des consultations et n’ont pas vocation à fournir un diagnostic ou proposer un traitement. Ces informations ne peuvent, en aucun cas, se substituer à un avis médical et ne peuvent pas remplacer une consultation auprès d’un professionnel de santé. Pour toute question, nous vous invitons à consulter votre médecin.