Che cos'è la vaginite? Prurito, bruciore

Qu'est-ce que la vaginite ? démangeaisons, brûlures

Che cos'è la vaginite?

La vaginite è un'infiammazione della vagina, solitamente associata a un'irritazione della vulva, la cosiddetta vulvovaginite.

Può trattarsi di un'irritazione della vagina o di un'infezione vaginale causata da funghi, batteri, virus o parassiti.

Si stima che quasi tutte le donne soffrano di vaginite almeno una volta nella vita, ma può verificarsi anche nelle bambine.

Quali sono le cause della vaginite?

Circa 2 volte su 3 la vaginite è infettiva:

  • Nel 50% dei casi si tratta di una micosi vaginale, causata da un fungo, per lo più la candida albicans. Le micosi vaginali sono quindi spesso di origine intestinale o si verificano in seguito all'assunzione di antibiotici, estroprogestinici, gravidanza, diabete, anemia, ecc.

  • Può anche essere causata da parassiti (Trichomas, ...: spesso trasmessi dall'acqua, dagli articoli da toilette e durante i rapporti sessuali).

  • Batteri (soprattutto Gardnerella, ma anche clamidia, gonococco, ecc.)

  • O virus (herpes genitale, ...)

Va notato che l'herpes genitale, la vaginite da trichomonas, la clamidia, il micoplasma, il gonococco, ecc. sono infezioni sessualmente trasmesse (IST) durante i rapporti sessuali.

Tuttavia, la vaginite non è sempre di origine infettiva, ma può essere dovuta all'irritazione della mucosa vaginale in seguito all'uso di alcuni prodotti non adatti all'igiene intima, di gel lubrificanti e alla mancanza di lubrificazione durante i rapporti sessuali, all'uso di alcuni metodi contraccettivi o all'uso ripetuto di prodotti antimicotici. Anche gli assorbenti possono causare disturbi vaginali. Lo stesso vale se si è in menopausa, poiché la menopausa spesso porta a secchezza vaginale a causa della diminuzione delle secrezioni ormonali.

La vulvite può essere causata dall'uso di biancheria intima sintetica o bagnata per troppo tempo, da pantaloni stretti che sfregano fastidiosamente, da assorbenti igienici che tendono a seccare le mucose e a irritarle, al contrario delle mutandine mestruali in cotone biologico. Un'igiene eccessiva o l'uso di prodotti non adatti alla vulva possono causare sensibilità vulvare. Infine, se si soffre di eczema, psoriasi o licheni, si può essere più inclini alla vaginite, così come se si è in menopausa, come già detto.

Quali sono i sintomi della vaginite?

La vaginite si manifesta spesso come :

  • Prurito e sensazione di bruciore alla vulva e alla vagina,

  • Perdite vaginali di consistenza/odore/colore/quantità insolite: spesso biancastre, spesse e viscide se si tratta di un fungo, fluide, abbondanti, maleodoranti e grigie o gialle se si tratta di un batterio. Infine, schiumoso e verdastro se si tratta di un parassita. Tuttavia, ciò non si verifica se la vaginite non è infettiva,

  • Dolore durante i rapporti sessuali,

  • Dolore durante la minzione o difficoltà ad urinare,

  • Labbra esterne gonfie, rosse e dolorose, e talvolta vescicole

Come viene diagnosticata la vaginite?

Se notate uno o più di questi sintomi, vi consigliamo di rivolgervi a un professionista della salute, che sia il vostro medico di base, il ginecologo o l'ostetrica, soprattutto se soffrite contemporaneamente di febbre e dolori addominali.

Infatti, la vaginite può trasformarsi in un'infezione che si diffonde ad altri organi, come l'utero o le tube di Falloppio, e ciò rappresenta un'emergenza ginecologica. La vaginite batterica con clamidia e gonorrea, se non trattata adeguatamente, può portare a peritonite (un'infiammazione del peritoneo) e infertilità.

L'operatore sanitario esaminerà quindi innanzitutto la vulva e potrà anche osservare la vagina con uno speculum o prelevare le secrezioni vaginali per identificare il germe che causa l'infezione.

Quali sono i trattamenti disponibili per la vaginite?

Il trattamento dipende dal tipo di vaginite infettiva in questione. Nella maggior parte dei casi, si interviene con antimicotici o antibatterici locali applicati esternamente con una crema, o internamente con una o più pomate ginecologiche. A seconda dei casi possono essere prescritti anche farmaci orali: antimicotici in caso di candidosi ricorrente, antierpetici in caso di herpes genitale, antibiotici adatti ai germi responsabili della vaginite.

In alcuni casi (lui o lei presenta sintomi), anche il partner sessuale deve essere esaminato e trattato, poiché alcune infezioni possono essere trasmesse durante i rapporti sessuali.

Se si tratta di un'irritazione, si consiglia di rimuovere qualsiasi tipo di prodotto che possa contenere allergeni (gel doccia/sapone, preservativi, prodotti antimicotici, salviette intime, ecc.) e di applicare un olio vegetale come quello di mandorle dolci, di jojoba, di enotera o di cocco per idratare e ridurre il disagio locale.

Come prevenire la vaginite?

Se soffrite spesso di vaginite, vi consigliamo di

  • Evitate di indossare biancheria intima sintetica perché aumenta la sudorazione e la macerazione, favorendo lo sviluppo di germi e promuovendo la micosi vaginale. Preferire il cotone

  • Non rimanere troppo a lungo in costume da bagno bagnato

  • Cambiarsi i vestiti dopo lo sport

  • Evitare un'igiene intima troppo frequente e l'uso di prodotti inadatti contenenti profumi (una sola pulizia vulvare al giorno): il pH della vagina non è uguale a quello della pelle. Il sapone deve essere applicato alle aree dove ci sono o c'erano i peli, non di più!

  • Quando si usa la toilette, pulirsi da davanti a dietro e non viceversa.

  • Non fare la doccia interna, perché la vagina si pulisce da sola.

  • Asciugare bene la vulva dopo il lavaggio

  • Se necessario, dopo ogni pulizia, applicare un olio vegetale sulla vulva per garantire il comfort.
  • Evitare l'uso di assorbenti e tamponi e preferire mutandine mestruali in cotone biologico e, se non si ha scelta, cambiarle il più spesso possibile.

  • Evitate di usare gli antibiotici uno dopo l'altro, perché tendono ad alterare la flora vaginale e a contribuire allo sviluppo di funghi. Se dovete ricorrere a questi trattamenti, ricordate di assumere probiotici per reintegrare la flora vaginale.

  • Indossare il più possibile il preservativo durante i rapporti sessuali per evitare la trasmissione delle IST. È inoltre possibile sottoporsi a regolari esami di screening.

  • Se le infezioni sono frequenti, è preferibile un trattamento orale. Non esitate a chiedere un tampone vaginale prima di iniziare un trattamento. Questo può essere fatto come autocampionamento.


Per saperne di più sulla vaginite, ma anche sul dolore perineale e vulvare, potete visitare il sito web dell'associazione Perinee Bien-Aimé, nonché il suo account Instagram @perinee_bienaime.


Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.


Les informations issues des articles présents sur le site www-elia-lingerie.com sont des informations générales. Bien qu’elles aient été relues par des professionnels de santé, ces informations ne sont pas exemptes d’erreurs, ne constituent pas des conseils de santé ou des consultations et n’ont pas vocation à fournir un diagnostic ou proposer un traitement. Ces informations ne peuvent, en aucun cas, se substituer à un avis médical et ne peuvent pas remplacer une consultation auprès d’un professionnel de santé. Pour toute question, nous vous invitons à consulter votre médecin.