Sanguinamenti all’inizio della gravidanza - Quando preoccuparsi?

Sanguinamenti all’inizio della gravidanza - Quando preoccuparsi?

Osservare un lieve sanguinamento vaginale durante la gravidanza è relativamente comune; si stima che quasi una donna su quattro possa averne durante i primi tre mesi di gravidanza. Sebbene questo fenomeno possa essere preoccupante, il più delle volte non è grave e non comporta conseguenze sulla gravidanza.

Questo è esattamente ciò che vedremo oggi! Cercheremo di rispondere a tutte le tue domande su questo argomento e di dirti se quello che ti sta succedendo richiede o meno un consulto medico.


Sanguinamento: sintomo di gravidanza o inizio delle mestruazioni? come differenziare?

Potresti notare perdite di sangue all'inizio della gravidanza, generalmente non sono gravi. Ti spiegheremo anche perché a volte vengono confuse con le mestruazioni!

Da dieci a quattordici giorni dopo la fecondazione, l'embrione si deposita nell'utero. L’ impianto dell'embrione può causare, in alcune donne, sanguinamento che più o meno coincide con la data abituale delle mestruazioni: questo è chiamato sanguinamento da impianto.

Tuttavia, questo tipo di perdita di sangue è più leggera e dura non più di due giorni. Allo stesso modo, il suo colore non è lo stesso: non è un sanguinamento rosso vivo ma piuttosto marrone o scuro.


Leggera emorragia all'inizio della gravidanza: è grave?

Nelle donne in gravidanza, la maggior parte delle emorragie che si verificano nei primi mesi o settimane di gravidanza non è grave. Il più delle volte si trovano al di fuori della cervice o hanno origine dalla rottura di un piccolo vaso sanguigno.


Trofoblasto distaccato

Dietro questo nome un po' barbaro si nasconde la struttura che dal terzo mese di gravidanza si trasforma in placenta. Può capitare che questo trofoblasto si stacchi durante questa prima fase della gravidanza, provocando così una piccola emorragia. Normalmente, poi torna al suo posto. Se questo ti accade, l'emorragia non dovrebbe essere pesante e non dovrebbe essere accompagnata da altri sintomi. Questo tipo di sanguinamento in gravidanza si verifica spesso nel 1° mese, 2° mese o addirittura 3° mese.

Sanguinamento da impianto

Può succedere che all'inizio della gravidanza, specialmente durante il primo trimestre, le mestruazioni arrivino alla loro data abituale. Non preoccuparti, non danneggia lo sviluppo del feto. Inoltre, questi sanguinamenti da impianto sono piuttosto rari.


Sanguinamento vaginale all'inizio della gravidanza, quando dovrebbero preoccuparsi?

Se, invece, il tuo sanguinamento vaginale è accompagnato da altri sintomi come il dolore al basso ventre, è essenziale che tu veda immediatamente un medico. Questo può essere un segno di un aborto spontaneo o di una gravidanza extrauterina:

In caso di aborto spontaneo, l'emorragia è generalmente abbondante e assomiglia al ciclo mestruale (si tratta di un'emorragia rosso vivo che può verificarsi all'inizio della gravidanza).

Per una gravidanza extra-uterina, le perdite sono scarse e di colore brunastro; a volte non c'è alcun sanguinamento.

In entrambi i casi è necessario un intervento rapido. Ancor più raramente, questo sanguinamento può essere spiegato da un aborto spontaneo parziale (la perdita di un embrione in caso di gravidanze multiple) o da un neo idatiforme (una gravidanza senza embrione).

Aggiungi a questo elenco la presenza di forti emorragie (maggiori o equivalenti alle mestruazioni abituali), associate ad altri sintomi come febbre, vertigini, nausea o dolore addominale. Questi sintomi non sono normali e possono nascondere una grave patologia. Ancora una volta, devi consultare il tuo ginecologo senza indugio. Il medico eseguirà un'ecografia e una visita approfondita per darti la sua diagnosi spiegando la causa dell’interruzione della gravidanza.


Sanguinamento durante il 2° e 3° trimestre

Il sanguinamento successivo alla gravidanza è più preoccupante.

Possono essere dovuti a quella che viene chiamata placenta previa. La placenta, essendo impiantata troppo in basso nell'utero, copre completamente o parzialmente la cervice. Tuttavia, se si verificano contrazioni, la parte inferiore della placenta può staccarsi e aprire la cervice. In questo caso, la futura mamma deve riposare e sottoporsi a cure adeguate per limitare le contrazioni per evitare la nascita prematura del bambino.

Anche un ematoma retroplacentare può essere la causa. Non preoccuparti, questa patologia è rara. Questo tipo di ematoma è caratterizzato da forte dolore al basso ventre e sanguinamento. Gli scambi tra la madre e il bambino sono scarsi a causa del parziale distacco della placenta. In questo caso, un cesareo deve essere eseguito d'urgenza perché l'ematoma retroplacentare rappresenta un pericolo per la vita della madre così come quella del suo bambino.


Sanguinamento dopo un rapporto sessuale durante la gravidanza

Molte donne in gravidanza riferiscono di aver subito emorragie dopo un rapporto sessuale o dopo una visita ginecologica. Questo tipo di perdita di sangue non dovrebbe preoccuparti perché è innocuo. Infatti, durante la gravidanza, la cervice è indebolita e più vascolarizzata, il che spiega il fatto che è più probabile che sanguini. Queste sono piccole perdite di sangue simili allo spotting.


Quando dovresti vedere un medico?

Per evitare qualsiasi preoccupazione e per rassicurarti, è meglio chiedere il parere di uno specialista quando noti un'emorragia durante la gravidanza. Nella maggior parte dei casi, questo sanguinamento è lieve, soprattutto se si verifica all'inizio della gravidanza, ma come si suol dire "prevenire è meglio che curare"!


Elia ti accompagna durante la gravidanza e dopo il parto

Da Elia, vogliamo essere il più inclusivi possibile; per questo abbiamo sviluppato una nuovissima gamma di intimo mestruale che si adatta al corpo delle donne durante la gravidanza e dopo il parto.

E sì, non ne parliamo abbastanza, ma il parto non significa la fine della gravidanza! Il sanguinamento dopo il parto, chiamato lochia, è solitamente pesante e può anche includere coaguli. Durano una quindicina di giorni. Durante questo periodo dovrai indossare protezioni speciali ma puoi anche indossare il nostro short adatto al postpartum, Louison, che ti offre una protezione equivalente a 4 tamponi quando esci dal reparto maternità.