IUD al rame e mestruazioni: flusso mestruale e sanguinamento

Tra tutti i metodi contraccettivi oggi disponibili, lo IUD ha un grande vantaggio: non è molto restrittivo. Ma ogni donna reagisce in modo diverso a seconda del metodo contraccettivo scelto... Come influisce lo IUD al rame sulle mestruazioni? Ve ne parliamo in questo articolo.


Che cos'è uno IUD al rame?

Lo IUD al rame è un dispositivo contraccettivo a forma di T che viene inserito nell'utero da un medico generico, un ginecologo o un'ostetrica. È realizzato in polietilene ed è circondato da un filo di rame. Per la rimozione si utilizza un filo che sporge di un centimetro all'esterno dell'utero. Le donne con uno IUD possono sentire questo filo, ma normalmente il partner non lo sente. Se lo sentono, il medico può accorciare il filo. A seconda del modello, può essere indossato per 3-5 anni. Lo IUD al rame è un metodo contraccettivo non ormonale, con un'efficacia del 99%. Il rame blocca di fatto la fecondazione, impedendo agli spermatozoi di raggiungere l'ovulo e rendendone impossibile l'aggancio all'utero.

Questo dispositivo intrauterino può essere utilizzato da tutte le donne, anche da quelle che non hanno mai avuto una gravidanza. Non è pericoloso per la salute, contrariamente a quanto si potrebbe pensare. Esistono diversi formati di IUD. È un contraccettivo privo di ormoni che mantiene il ciclo naturale. Inoltre, lo IUD non ha alcun impatto sulla fertilità!

Lo IUD al rame è disponibile al prezzo di 30,50€, con il 65% del costo rimborsato dalla previdenza sociale.

Che effetto ha lo IUD al rame sulle mestruazioni?

Come molti metodi contraccettivi, lo IUD e le mestruazioni sono collegati. Per agire, lo IUD provoca un'infiammazione cronica dell'endometrio. Le mestruazioni con lo IUD sono quindi diverse.

Mestruazioni abbondanti e talvolta dolorose dopo l'inserimento

Le prime mestruazioni dopo l'inserimento di uno IUD al rame sono più pesanti, più lunghe e talvolta più dolorose. Si tratta di un fenomeno normale, che si risolve dopo alcuni cicli (circa 6 mesi).

Tuttavia, se le mestruazioni continuano ad essere molto abbondanti o addirittura a sanguinare, causando dolore, affaticamento, vertigini e anemia, è bene consultare il medico. Forse questo metodo contraccettivo non è adatto a voi.

Periodi normali dopo un periodo di adattamento

Infine, dopo un periodo di adattamento, le mestruazioni di solito si stabilizzano. Tuttavia, possono rimanere un po' più pesanti rispetto a prima dell'inserimento. Per le donne con un flusso naturalmente corto e molto leggero, la differenza sarà minima. Lo IUD al rame può anche causare un sanguinamento marrone uno o due giorni prima delle mestruazioni. La durata delle mestruazioni viene quindi prolungata con questo metodo contraccettivo.

Sanguinamento al di fuori del flusso mestruale

Alcuni mesi dopo l'inserimento di uno IUD, è possibile che si verifichino perdite di sangue al di fuori delle mestruazioni, note come spotting. Questo non è un motivo di preoccupazione, è solo necessario dare al corpo il tempo di adattarsi a questo nuovo metodo contraccettivo.
Possono verificarsi anche perdite di sangue dopo l'inserimento di uno IUD al rame. Infine, è possibile (ma meno comune) che si verifichi un'emorragia durante l'inserimento. Per affrontare questo problema si può utilizzare una mutandina mestruale.

Quando non è consigliabile indossare uno IUD al rame?

Lo IUD può essere indossato da tutte le donne, che abbiano o meno avuto figli.
Tuttavia, è sconsigliato alle donne con determinati problemi di salute:
  • una malformazione dell'utero o più in generale un'anomalia della cavità uterina che renda impossibile l'inserimento di uno IUD.
  • un'infezione genitale dell'utero o delle tube di Falloppio, sia essa in corso, ricorrente o di durata inferiore a 3 mesi
  • cancro alla cervice
  • tubercolosi genitale
  • un rischio di gravidanza o una gravidanza
  • un parto recente (è necessario attendere 4 settimane dal parto)
  • un aborto di meno di 3 mesi
  • sensibilità al rame
  • un elevato rischio di IST
  • un'IST di meno di 3 mesi
  • perdite vaginali inspiegabili (che potrebbero indicare una condizione grave)

Quali sono i vantaggi di uno IUD al rame rispetto a un dispositivo ormonale?

Presenta diversi vantaggi rispetto a un dispositivo intrauterino ormonale:
  • Il primo è che non contiene ormoni. Molto interessante per le donne con controindicazioni ai trattamenti ormonali
  • In secondo luogo, lo IUD al rame rimane in sede per 3-5 anni, liberando così un carico mentale che può essere difficile da gestire quando si assume la pillola, ad esempio.

Domande frequenti su IUD al rame e mestruazioni

Quando mi vengono le mestruazioni dopo l'inserimento di uno IUD al rame?

La prima mestruazione dopo l'inserimento di uno IUD al rame non viene ritardata e di solito arriva nella data inizialmente prevista. Per 6 mesi dopo l'inserimento, le mestruazioni possono essere più pesanti e dolorose. Subito dopo l'inserimento, è possibile che si verifichi un certo sanguinamento.

Come posso evitare di avere le mestruazioni con uno IUD al rame?

Trattandosi di un contraccettivo naturale senza ormoni, questo metodo non sopprime le diverse fasi mestruali come possono fare lo IUD ormonale, l'impianto o alcune pillole.

Quali sono gli svantaggi di uno IUD al rame?

Potrebbe piacerti anche :