Come avere una buona igiene intima?

Comment avoir une bonne hygiène intime ?

L'igiene intima, oltre a dare una sensazione di comfort e pulizia, impedisce la proliferazione dei batteri e quindi previene alcune patologie e infezioni. L'igiene intima ha un ruolo importante nella salute intima della donna, con gesti quotidiani che aiutano a prevenire le infezioni della vulva e della vagina.

È quindi importante, fin da piccoli, compiere i giusti gesti per preservare l'igiene intima e la flora vaginale.

Tuttavia, fate attenzione a non lavare la zona intima in modo troppo aggressivo, troppo spesso o con prodotti non adatti.

Che cos'è l'igiene intima?

L'igiene intima è, come suggerisce il nome, la cura delle parti intime del corpo. Nelle donne, la vulva è costituita da una fragile membrana mucosa che deve essere lavata quotidianamente in modo delicato con prodotti adatti o con acqua pulita. Quest'area richiede un'attenzione particolare perché funge da protezione per la vagina e l'utero.

La vagina è costituita da una flora vaginale con diversi tipi di batteri che vi si sviluppano e vivono in armonia. È importante sapere che la vagina si "pulisce" grazie ai liquidi vaginali prodotti durante il ciclo, in modo da evacuare i batteri "cattivi" per evitare di sviluppare infezioni.

L'equilibrio della flora vaginale è molto fragile e richiede un'attenzione particolare!

Una flora vaginale squilibrata espone la mucosa alle infezioni. Questo perché la flora vaginale è composta da lattobacilli, batteri naturalmente presenti nella vagina, che impediscono ai microbi di svilupparsi creando una "protezione" sulla mucosa vaginale. Se la flora è squilibrata, a causa di cattive abitudini igieniche o durante alcuni periodi: gravidanza, antibiotici, mestruazioni, ecc. il numero di lattobacilli può ridursi, con conseguente crescita eccessiva di germi, irritazioni o infezioni.

È quindi molto importante prestare attenzione alla propria igiene personale adottando semplici gesti e vietandone altri.

Quali abitudini adottare per una buona igiene intima?

Per avere una buona igiene intima, è opportuno applicare alcuni consigli:

- Utilizzate prodotti adatti all'igiene intima, come gel intimi o lozioni dermatologiche prive di profumo e ipoallergeniche!

- È sufficiente un lavaggio al giorno. Se volete farne diversi, sciacquate la zona intima solo con acqua pulita e limitatevi a due bagni al giorno.

- Lavare a mano, poiché le flanelle favoriscono la crescita di batteri e germi. Se preferite ancora la flanella, lavatela dopo ogni lavaggio.

- Sulla toilette, sotto la doccia o quando si esce dalla doccia: insaponarsi e pulirsi sempre dalla parte anteriore a quella posteriore per evitare la diffusione dei batteri dall'ano alla vagina.

- Quando si esce dalla doccia, asciugarsi con un asciugamano di cotone, tamponando delicatamente.

- Cambiare la biancheria intima ogni giorno

- Scegliete biancheria intima di cotone (possibilmente biologico), piuttosto che di materiali sintetici.

- Durante il periodo mestruale, cambiate la protezione sanitaria molto regolarmente ed evitate gli assorbenti, che tendono a seccare la mucosa vaginale, già più secca in questo periodo. Favorire gli assorbenti igienici o le mutandine mestruali in cotone biologico, che permettono alla vagina di respirare e di preservare il microbiota vaginale.

- Consultare regolarmente un ginecologo o un'ostetrica

Cosa bisogna evitare di fare quando ci si lava?

D'altra parte, ci sono alcune cose che dovreste evitare di fare:

- Non utilizzare gel doccia convenzionali, shampoo o altri prodotti non adatti alle mucose (scrub, ecc.). Lo stesso vale per il sapone di Marsiglia, troppo aggressivo e disidratante per questa zona fragile.

- Evitare le salviette intime

- Evitare i deodoranti intimi

- Evitare bagni intimi troppo frequenti

- Evitare di indossare abiti troppo stretti perché favoriscono lo sviluppo di batteri a causa dell'attrito e della mancanza di ventilazione.

- Evitate di tenere a lungo i vestiti bagnati o il costume da bagno, perché il calore e l'umidità favoriscono lo sviluppo dei batteri.

- Non lavare l'interno della vagina! Come abbiamo visto in precedenza, la vagina si pulisce da sola. Questo non farebbe altro che squilibrare la sua flora, favorendo le infezioni.

Non esitate a chiedere consiglio al vostro medico o ginecologo per evitare gli inconvenienti legati a uno squilibrio della flora vaginale.

Se si soffre di micosi ricorrenti o di secchezza vaginale:

Alcune donne sono soggette a micosi ricorrenti. Oltre ai consigli già dati, si consiglia di scegliere prodotti per l'igiene intima leggermente alcalini, che creano un'atmosfera meno favorevole all'instaurarsi dell'infezione e limitano il rischio di recidive. È inoltre importante urinare prima e dopo i rapporti sessuali per evitare la proliferazione dei batteri, il che aiuta anche a prevenire la cistite. Inoltre, sia in piscina che in spiaggia, evitate di indossare un costume da bagno bagnato perché, come abbiamo visto in precedenza, favorisce la crescita dei batteri. È quindi consigliabile indossare un costume da bagno asciutto o una mutandina per prendere il sole non appena si esce dall'acqua.

In caso di secchezza vaginale, è consigliabile utilizzare prodotti arricchiti con principi attivi naturali e idratanti che calmano le sensazioni di disagio e limitano il dolore durante i rapporti sessuali.

Si può anche optare per l'assunzione di probiotici, disponibili in farmacia. Aiutano la flora vaginale a formare i batteri buoni!

Non esitate a consultare un professionista della salute in caso di dubbi!


Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.


Les informations issues des articles présents sur le site www-elia-lingerie.com sont des informations générales. Bien qu’elles aient été relues par des professionnels de santé, ces informations ne sont pas exemptes d’erreurs, ne constituent pas des conseils de santé ou des consultations et n’ont pas vocation à fournir un diagnostic ou proposer un traitement. Ces informations ne peuvent, en aucun cas, se substituer à un avis médical et ne peuvent pas remplacer une consultation auprès d’un professionnel de santé. Pour toute question, nous vous invitons à consulter votre médecin.