Come si può individuare il cancro al seno con l'autoesame?

Comment détecter le cancer du sein avec l'autopalpation ?

Il cancro al seno è il tumore più comune nelle donne. Se diagnosticato precocemente, il cancro al seno ha buone possibilità di guarigione.

Alcune azioni di screening possono essere eseguite solo da un professionista sanitario: la mammografia o l'esame clinico del seno. Tuttavia, è importante essere attenti ai segnali del proprio corpo per individuare i primi segni del cancro al seno. La diagnosi precoce del tumore al seno è molto importante perché quanto prima viene individuato, tanto meglio verrà trattato.

Come si esegue un autoesame del seno?

  • Durante l'esame è necessario mettersi in una posizione che consenta di vedere bene il seno. Mettetevi in una posizione naturale (con le braccia lungo i fianchi e la schiena dritta) in modo da poter vedere eventuali asimmetrie del vostro seno. Assicuratevi di avere uno specchio davanti a voi. L'esame visivo è importante quanto la palpazione, che non è sufficiente.

  • L'esame visivo: consiste semplicemente nell'osservare il seno allo specchio per individuare eventuali perdite anomale dal capezzolo, macchie, screpolature, pieghe, croste, squame o qualsiasi altra cosa possa essere insolita. Per l'esame visivo è inoltre consigliabile assumere diverse posture. (braccia ai lati del corpo, braccia sollevate, mani sui fianchi, piegati in avanti, sdraiati sul fianco)

  • Autoesame del seno: basta alzare il braccio sinistro e palpare delicatamente il seno sinistro con la mano destra: dall'esterno verso l'interno, alla ricerca di noduli, dolore o prurito. Procedere allo stesso modo per l'area tra il seno e l'ascella e poi per l'ascella stessa. Si può quindi ripetere la procedura sul seno destro.

  1. Autoesame del capezzolo: spremere delicatamente il capezzolo per vedere se ci sono perdite. In caso di perdite in assenza di gravidanza o allattamento, consultare un medico. Se il capezzolo è dolorante, infiammato o si restringe su se stesso, rivolgetevi a un professionista!

Si consiglia inoltre di esaminare l'area tra i due seni.

Esistono 3 metodi di palpazione:

  • Il metodo di palpazione verticale: la palpazione viene effettuata dall'alto verso il basso, partendo dalla sommità dell'ascella.

  • Il metodo di palpazione radiale: si tratta di tracciare linee rette, partendo dal capezzolo, verso l'esterno del seno.

  • Palpazione circolare: effettuando una spirale dalla sommità dell'ascella fino al capezzolo.

Quali sono i segnali di allarme di un possibile cancro al seno?

Esistono diversi segnali di allarme, come ad esempio: arrossamento, secrezione, noduli o protuberanze visibili, capezzoli infossati, rottura della pelle, cambiamenti nella dimensione o nella forma del seno, cambiamenti nel colore dell'areola, eczema persistente o ulcerazione del capezzolo, linfonodi ingrossati, ispessimento o indurimento della pelle.

Quando e con quale frequenza deve essere eseguita l'autopalpazione?

L'ideale sarebbe effettuare l'autopalpazione ogni mese, qualche giorno dopo la fine delle mestruazioni o in una data fissa quando si è in menopausa. L'esame è consigliato a tutte le donne, indipendentemente dall'età (perché, sebbene sia più raro, il cancro al seno può colpire anche le donne giovani).

L'autopalpazione è quindi un'abitudine importante da sviluppare. Tuttavia, non sostituisce le visite regolari dal ginecologo, dal medico di famiglia o dall'ostetrica.

Elia è impegnata nell'Ottobre Rosa per tutto il mese di ottobre! Per questa occasione, abbiamo creato un'edizione molto limitata delle nostre mutandine mestruali Simone per sostenere la campagna Pink October e l'Istituto Marie Curie.

Il 50% dei nostri profitti sarà devoluto alla ricerca sul cancro al seno.


Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.


Les informations issues des articles présents sur le site www-elia-lingerie.com sont des informations générales. Bien qu’elles aient été relues par des professionnels de santé, ces informations ne sont pas exemptes d’erreurs, ne constituent pas des conseils de santé ou des consultations et n’ont pas vocation à fournir un diagnostic ou proposer un traitement. Ces informations ne peuvent, en aucun cas, se substituer à un avis médical et ne peuvent pas remplacer une consultation auprès d’un professionnel de santé. Pour toute question, nous vous invitons à consulter votre médecin.