Quando si diventa madre?

Quand devient-on mère ?

Che cos'è la matrescenza?

La maturazione è caratterizzata dalla "nascita di una madre", cioè dal momento in cui la donna sente di diventare madre e lo diventa con la nascita del figlio. Al momento del parto, quando il bambino è nato, lasciamo la gravidanza, entriamo nel periodo post-partum, una donna a volte subisce i sintomi. Per questo motivo vi offriamo alcuni contenuti salutari sull'argomento a complemento delle vostre mutandine mestruali, che vi aiuteranno ad affrontare le perdite post-partum.

La maturità è un grande sconvolgimento psicologico per molte donne. Tutta la sicurezza acquisita prima delparto può essere distrutta e sostituita da paure, ansie e perdita di autostima. Dopo tutto, il parto non è solo la nascita di un bambino, ma anche la nascita di una madre.

Guardate il nostro video con Tziganette sull'argomento:

La maternità è un momento delicato, che può suscitare diverse emozioni: tristezza, dubbi, depressione a causa dei cambiamenti ormonali, ma anche per il cambiamento psicologico che il diventare madre comporta. È un periodo di transizione in cui si mescolano molte emozioni, che a volte portano a dubbi sulla nascita del bambino e sul suo desiderio. Questo può essere un momento difficile. Tuttavia, vorremmo ricordarvi che è perfettamente normale avere dei dubbi e che questo non significa che non amate vostro figlio.

È anche importante aggiungere che, contrariamente a quanto si può leggere o sentire, l'amore di un bambino non è immediato e può richiedere del tempo per manifestarsi. Non c'è bisogno di sentirsi in colpa. La maternità è una fase della vita delle giovani madri, che ognuna vive in modo diverso.

Tuttavia, troppo spesso le emozioni (a volte più negative) che le madri provano durante la maternità vengono messe da parte o non prese in considerazione. I luoghi comuni e le ingiunzioni della nostra società sulla madre ideale sono numerosi, per cui questo può talvolta dare adito a depressione post-partum. Ma la maternità non è qualcosa che viene naturale a tutti. Sentirsi in pace con se stessi nel proprio ruolo di madre può richiedere tempo. A volte, inoltre, alcune persone non sentiranno mai il desiderio di maternità o paternità, e va bene così. Avere figli non è un passo obbligatorio nella vita.

Questo è quanto ci dice la psichiatra Anne Raynaud. Fondatore e direttore degli Istituti di Genitorialità in Francia (Bordeaux e Parigi). Offre programmi di sostegno alla genitorialità, consulenze per genitori di bambini piccoli e formazione per professionisti, per rispondere ai problemi specifici della genitorialità e della costruzione del legame di attaccamento.

Scoprite il nostro podcast dedicato alla matrescenza con Floriane Stauffer:

Quando si diventa madre? Quando si diventa madre?

Come già accennato, la maternità è un vero e proprio sconvolgimento: il corpo cambia, gli ormoni sono in subbuglio e ci sono cali ormonali dopo il parto. Inoltre, è un momento in cui le giovani madri sentono molta pressione, da parte delle persone che le circondano ma anche da parte di loro stesse. Alcune donne sentono di non essere all'altezza del compito di prendersi cura del proprio figlio. In effetti, in questo momento ci si aspetta molto dalla madre, ma lei stessa è in preda ai dubbi. A differenza del parto, per il quale esistono corsi di preparazione, non esiste una preparazione per diventare madre.

Come si abbraccia la matrescenza?

Ottenere aiuto e supporto. Che si tratti del vostro partner, dei vostri amici, della vostra famiglia, ecc... Il padre, il partner, svolge (il più delle volte) un ruolo importante durante l'arrivo di un bambino. Non esitate a chiedere conforto alle donne che stanno vivendo o hanno vissuto la vostra stessa esperienza. Esprimere i propri sentimenti può aiutare ad accettare e ad affrontare i cambiamenti legati alla nascita del bambino e all'afflusso di ormoni.

Prendetevi del tempo per voi stessi e accettate che questo è un momento complicato: passa con il tempo. Prendersi del tempo per sé quando si è appena partorito può sembrare complicato, ma anche 20 minuti per pensare ad altro, come leggere o fare yoga, possono aiutare a lasciarsi andare.

La cosa importante da ricordare è che ognuno procede al proprio ritmo. Non sentirsi a proprio agio o all'altezza non deve farvi sentire in colpa: è una sensazione normale! Circondatevi di persone che vi fanno sentire bene e abbiate fiducia in voi stessi!

Quando si sente madre?

A volte le persone non sentiranno mai il desiderio di maternità o paternità, e va bene così. Avere figli non è un passo obbligatorio nella vita.

Questo è quanto ci dice la psichiatra Anne Raynaud. Fondatore e direttore degli Istituti di Genitorialità in Francia (Bordeaux e Parigi). Offre programmi di sostegno alla genitorialità, consulenze per genitori di bambini piccoli e formazione per professionisti, per rispondere ai problemi specifici della genitorialità e della costruzione del legame di attaccamento.

"Il desiderio di un figlio: tante domande interiori

Essere genitori sembra essere un'avventura...

Essere genitori è "semplicemente" la storia di un incontro. Un incontro intimo con se stessi, attraverso gli occhi del mio bambino, questo essere a cui do la vita e che mi fa il dono di scoprire me stesso.

Questa idea, così lontana dall'avere un figlio, ha iniziato a intensificarsi in me da qualche tempo. È piuttosto strano da descrivere, così ovvio e allo stesso tempo un po' strano. Le domande continuano ad arrivare e poi svaniscono. Ma quali sono le domande che possono frenare questo impulso che sento dentro di me: desiderare un figlio?

A volte le condizioni sembrano giuste. Il mio compagno è lì, molto presente nella mia vita, ho finalmente la sensazione di una stabilità professionale ed è proprio il momento giusto. È anche il momento in cui costruiamo il nostro nido accogliente, per questa nuova famiglia. Tutto sta accadendo nello stesso momento, a volte è un po' troppo nella mia testa, ma che gioia vedere la nostra coppia trasformarsi in una famiglia e vedere il nostro amore crescere, attraverso questo desiderio di un bambino.

E poi, per altri, è un po' una sorpresa, oppure, tutti i criteri razionali non sembrano essere presenti nella mia esistenza eppure, è ora che mi sento chiamato a questa grande avventura.

Cambiare la mia vita, dare alla luce un piccolo essere che faremo, che prolungherà l'intensità del nostro amore e trasformerà le nostre vite, è davvero ragionevole? È vero, spesso sento dentro di me come una lotta tra l'insopprimibile desiderio di dare la vita e, allo stesso tempo, tutto ciò che questa trasformerà. Cambiare le mie abitudini, non avere più la libertà di uscire o di fare sport quando voglio, tutti i vincoli legati all'arrivo di un bambino sul mio sonno, per esempio, la riorganizzazione materiale della nostra vita... Ma comunque, mi sento pronta.

È quindi normale che questo desiderio sia accompagnato da una certa esitazione. È solo che sento nel profondo che questo impegno cambierà la mia vita. È quindi essenziale che io senta dentro di me tutte queste domande. Non è che non voglia questo bambino che sto sognando. È solo che, attraverso queste domande profonde, assumo la dimensione di questa grande avventura. A volte è già dentro di me, quando mi sento indecisa e incerta nel portare avanti la gravidanza. Sono arrabbiata con me stessa per aver pensato di non volere questo bambino. Ma questi pensieri e dubbi non sono costruiti contro questo bambino, già dentro di me, ma riflettono il senso di responsabilità che comincia a farsi strada, ora che questo cammino verso la genitorialità si sta compiendo. È, a differenza del senso di colpa, l'emergere di un sentimento essenziale di coinvolgimento, nei confronti di questo bambino che verrà. Queste domande sono essenziali ed è fondamentale porle consapevolmente fin dall'inizio. Questo è il segnale che sto già iniziando la mia preparazione a diventare genitore. Il mio bambino non può biasimarmi se mi chiedo se mi sento pronta ad accoglierlo. Al contrario, è un bel regalo.

Capisco quindi che desiderare un figlio sia un po' complesso e ambivalente: tra un desiderio irrefrenabile e la paura di non farcela. Ma comunque, che esperienza e impareremo insieme...".

Se vi sentite smarriti e avete bisogno di un supporto psicologico, non dimenticate che i professionisti della salute sono a disposizione per aiutarvi.


Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.


Les informations issues des articles présents sur le site www-elia-lingerie.com sont des informations générales. Bien qu’elles aient été relues par des professionnels de santé, ces informations ne sont pas exemptes d’erreurs, ne constituent pas des conseils de santé ou des consultations et n’ont pas vocation à fournir un diagnostic ou proposer un traitement. Ces informations ne peuvent, en aucun cas, se substituer à un avis médical et ne peuvent pas remplacer une consultation auprès d’un professionnel de santé. Pour toute question, nous vous invitons à consulter votre médecin.