Che cos'è il baby blues?

Qu'est-ce que le baby-blues ?

Che cos'è il baby blues?

Il baby blues è un disturbo dell'umore che di solito si manifesta dopo il parto. Conosciuta anche come "sindrome del 3° giorno", si manifesta di solito nei giorni successivi al parto nel reparto maternità ed è di breve durata, da pochi a dieci giorni. La donna può passare dalle risate alle lacrime in pochi minuti, essere ansiosa, in preda ai dubbi... insomma, attraversare ogni tipo di emozione.

Il baby blues è molto comune e normale dopo il parto: circa il 60% delle donne lo sperimenta dopo il parto. Il baby blues scompare nel momento stesso in cui si manifesta e non richiede alcun trattamento. Tuttavia, non deve essere confusa con la depressione post-parto.

Il parto scatena il baby blues?

Il baby blues ha cause fisiologiche. In effetti, dopo il parto si verificano molti sconvolgimenti ormonali: il livello di progestinici, l'ormone della gravidanza, cala bruscamente, mentre gli ormoni dell'allattamento vengono prodotti in grandi quantità. La donna è quindi soggetta a tutte le fluttuazioni dei suoi ormoni, che hanno un forte impatto sul suo morale.

In secondo luogo, può essere dovuto a cause psicologiche come la paura di non essere una buona madre, o la sensazione di "stomaco vuoto", del legame interrotto con il proprio bambino perché il cordone ombelicale è stato tagliato, ma anche il fatto che il mondo improvvisamente ruota intorno al bambino, tutti vogliono tenere in braccio questo bambino che è nostro.

Infine, il baby blues può anche essere dovuto a cause fisiche legate al parto. Non sempre le donne si sentono a proprio agio con il proprio corpo quando la pancia è rilassata dopo il parto. La donna può anche avvertire fastidio, dolore e sanguinamento, nonché affaticamento. Ecco perché offriamo una collezione di mutandine mestruali morbide, comode e sicure per la gravidanza e la maternità per tutte le giovani mamme.

Quali sono i sintomi del baby blues?

Dopo il parto, i sintomi possono essere diversi da una donna all'altra, ma i segnali del baby blues sono spesso: voglia di piangere senza motivo, tristezza, umore molto mutevole, sensazione di confusione, irritabilità, senso di spossatezza, difficoltà a dormire, ansia di essere una buona madre, grande stanchezza, mancanza di appetito...

Anche l'ansia è legata alla consapevolezza della responsabilità che un bambino impone e alla sensazione di essere sopraffatti dagli eventi. Nella maggior parte dei casi, questa sensazione è ancora più importante se si tratta della prima gravidanza.

Quando la donna si sente male, si sente in colpa perché è triste e ansiosa, mentre si aspettava di essere felice.

Come si può vivere meglio il baby blues?

Per superare meglio questo periodo, è importante essere ben circondati dalle persone importanti per la neomamma, in particolare dal partner della donna che ha partorito. Può anche condividere il suo stato d'animo e le sue ansie e paure con le ostetriche presenti in maternità, che sono lì per rassicurarla, circondarla e accompagnarla in questo piccolo periodo post-partum. In ogni caso, è importante non rimanere soli di fronte alle sue ansie e preoccupazioni. Durante questo periodo, alcune ostetriche prescrivono l'omeopatia, la sofrologia, il rilassamento, ecc. ma questo periodo non richiede farmaci o psicoterapia.

Il baby blues non dovrebbe durare a lungo. La maggior parte delle volte finisce quando la donna lascia il reparto maternità, quando ritrova l'orientamento. Ma se i sintomi si protraggono e diventano più gravi, è importante rivolgersi al medico. Questo può essere un segno di depressione postnatale e richiede quindi un sostegno morale.


Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.


Les informations issues des articles présents sur le site www-elia-lingerie.com sont des informations générales. Bien qu’elles aient été relues par des professionnels de santé, ces informations ne sont pas exemptes d’erreurs, ne constituent pas des conseils de santé ou des consultations et n’ont pas vocation à fournir un diagnostic ou proposer un traitement. Ces informations ne peuvent, en aucun cas, se substituer à un avis médical et ne peuvent pas remplacer une consultation auprès d’un professionnel de santé. Pour toute question, nous vous invitons à consulter votre médecin.